Cinema

7 Prisioneiros: su Netflix il thriller carico di tensione che presenta un’analisi profonda del potere, della solidarietà e del tradimento

Per garantire una vita migliore alla famiglia che vive in campagna, il diciottenne Mateus accetta un lavoro nel deposito dello sfasciacarrozze di Luca a San Paolo. Quando, però, si ritrova intrappolato nel pericoloso mondo del traffico di esseri umani, Mateus è costretto a decidere se continuare a lavorare per lo stesso uomo che l’ha imprigionato oppure rischiare il suo futuro e quello della sua famiglia.

Su Netflix arriva 7 Prisioneiros, un nuovo thriller carico di tensione che presenta un’analisi profonda del potere, della solidarietà e del tradimento. La pellicola è uno spaccato della disperazione economica odierna. L’opera è il secondo lungometraggio del regista sceneggiatore Alexandre Moratto che si riconferma una delle nuove voci principali del cinema brasiliano. Fernando Meirelles (City of God) e Ramin Bahrani (La tigre bianca) hanno prodotto il progetto. La sceneggiatura di 7 Prisioneiros è stata scritta da Thayná Mantesso e Alexandre Moratto.

La sinossi di 7 Prisioneiros

 7 Prisioneiros: su Netflix il thriller carico di tensione che presenta un'analisi profonda del potere, della solidarietà e del tradimento
Cr. ALINE ARRUDA/NETFLIX © 2021

Il diciottenne Mateus, interpretato da Christian Malheiros, spera di garantire una vita migliore alla sua famiglia che vive in campagna. Quando trova lavoro a San Paolo, è trasportato in città insieme a un gruppo di adolescenti del suo paese d’origine, ignari di quello che li aspetta: un lavoro estenuante nel deposito di uno sfasciacarrozze. Luca (Rodrigo Santoro), il padrone sfruttatore e malvagio, confisca le loro carte d’identità e minaccia terribili conseguenze se dovessero tentare la fuga. Ma poi Mateus scopre che anche il suo capo ha un capo. Cosa dovrà diventare per riuscire a scappare?

Nel cast di 7 Prisioneiros, accanto a Christian Malheiros e Rodrigo Santoro, troviamo anche: Bruno Rocha,
Vitor Julian, Lucas Oranmian, Cecília Homem de Mello, Dirce Thomaz.

 

 

 

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: