Serie TV

Nicole Fornaro racconta e analizza l’emozionante Maid, la serie Netflix con protagonista Margaret Qualley

Nicole Fornaro, nel cast del film Netflix Yara, analizza insieme a Chiffon Magazine l’emozionante serie Maid con protagonista Margaret Qualley. La storia è ispirata all’autobiografia di Stephanie Land dal titolo ‘Donna delle pulizie. Lavoro duro, paga bassa e la volontà di sopravvivere di una madre’, entrata nella classifica dei bestseller del New York Times.

Alex è una giovane madre che scappa da una relazione violenta. Si dà da fare come addetta alle pulizie per non rimanere senza casa nella speranza di dare alla figlia Maddy un futuro migliore. Narrata attraverso la voce tanto commovente quanto divertente di una donna disperata ma determinata, questa serie è un’esplorazione cruda e motivante della forza di una madre.

Siamo tutti impazziti per Maid con protagonista Margaret Qualley, ce ne parli?

Nicole Fornaro: Ogni volta che guardo una serie come questa, resto incantata dal modo in cui gli attori vengono diretti. Sono colpita quando vengono raccontate storie del genere. Margaret Qualley è un’attrice straordinaria che avevo già avuto modo di apprezzare in Once Upon a Time in Hollywood. In questa serie, ha dato davvero tutto. Ha un’intensità pazzesca. Era sempre sul punto di piangere ma non piangeva quasi mai. I suoi occhi erano davvero potenti. Alex lotta per conquistare la libertà e l’indipendenza. Maid è una serie così positiva.

C’è una scena che porti nel cuore di questa storia?

Nicole Fornaro: La scena finale quando finalmente Alex e Maddy riescono a trasferirsi in Missoula. Alex mostra alla sua bambina la M gigante che si trova in quel luogo e le racconta che quella M è proprio per lei. Le dice: ‘Questo mondo nuovo è per te’. Mi sono molto commossa. Si evince quanto la forza di volontà di una persona sia importante per raggiungere i propri obiettivi, anche quando ti trovi ad affrontare situazioni di disagio più grandi di te, di dramma totale. Ci sono molte persone che, purtroppo, non hanno la forza di affrontare tutto quello che affronta Alex all’interno della serie. Non è facile per noi donne affrontare situazioni del genere.

Maid
MAID (L to R) RYLEA NEVAEH WHITTET as MADDY and MARGARET QUALLEY as ALEX in episode 101 of MAID Cr. RICARDO HUBBS/NETFLIX © 2021

All’interno della serie si parla di un tema molto delicato: l’abuso emotivo.

Nicole Fornaro: Spesso si chiede ad una donna: ‘Perché non te ne sei andata via da quella casa?’. Non è facile andar via e lasciare tutto. Una donna, molto spesso, si trova legata ad una persona dal punto di vista economico. Non sa dove andare, non sa cosa fare. Ha paura. Non bisogna criticare ma soltanto dare il coraggio a queste persone. Alex chiede aiuto. E chiedere aiuto è molto difficile quando si sta male. Quanto è complicato chiedere aiuto! La violenza emotiva è una forma di abuso molto forte e pesante da riconoscere, da accettare, da condividere. Tante volte non riesci a comprendere cosa ti sta succedendo. Esistono persone narcisiste che arrivano ad ingabbiarti. Ho trovato devastante la scena in cui, pian piano, Alex viene inghiottita dal suo divano. Non ho mai vissuto un’esperienza del genere, ma capisco la sensazione di sentirsi ovattata, in una campana di vetro, dove ci sei ma è come se con la testa andassi da un’altra parte. La testa di Alex era così tanto violata che la sua mente volava via.

In questa storia, emerge l’importanza di trovare un sostegno nelle persone quando hai bisogno di aiuto…

Nicole Fornaro: In Maid c’è molta fiducia nell’umanità. Alex riceve degli aiuti importanti. Bisogna avere il coraggio di chiedere aiuto, di non vergognarsi. Non c’è nulla di cui vergognarsi.

Un altro tema fondamentale di Maid è la povertà.

Nicole Fornaro: Il tema della povertà viene trattato con molta dignità. Alex non è una piccola fiammiferaia, affronta tutto con grande dignità. Le sbattono 50 porte in faccia, eppure lei va avanti fin quando non trova un posto tutto suo. Non è facile quando devi chiedere dei bonus, devi chiedere aiuto a livello economico. Perché spesso, le persone non ti appoggeranno. Ma se hai il coraggio di perseverare, ti arriva l’aiuto che speravi di avere. Alla fine Alex, nonostante abbia delle sistemazioni provvisorie, trova delle persone che la aiutano.

Maid: Margaret Qualley racconta l'esperienza vissuta sul set con sua madre Andie MacDowell
Cr. RICARDO HUBBS/NETFLIX © 2021

Tra i personaggi più belli di Maid c’è Paula, interpretata da Andie MacDowell. Cosa ne pensi della sua interpretazione?

Nicole Fornaro: Andie MacDowell è un’attrice strepitosa, bellissima, straordinaria. Penso che sia un’attrice capace di fare qualsiasi cosa. Qualsiasi personaggio racconta, diventa credibile. Quando la guardi, le credi. So che la MacDowell ha vissuto la malattia della madre, da bambina, e credo che per un’attrice, più esperienze vivi nella tua vita, più puoi portarle all’interno all’interno dei tuoi personaggi. Non puoi avere segreti con te stessa se fai l’attrice, per accedere a certe emozioni devi conoscere i tuoi lati più oscuri.

 

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: