Interviste

Interview with Dominique Devenport

When Dominique Devenport enters a room, you notice. She has triumphed on screens as Sissi. In the brilliant and surprising series, directed by Sven Bohse, her acting is real and tangible. She shows us a young woman struggling to make her way in life. Her future begins here, with all the strong women she is going to give us.

Chiffon Magazine meets Dominique Devenport

Dominique Devenport

Welcome, Dominique. I loved your Sissi. She’s so modern. How would you describe her soul?

Our Sisi is a little rebel. She`s courageous, curious and lives by her own rules. She`s very connected to herself, her body, her feelings and her values, she has a strong inner moral and fights for what she thinks is right. However, she can also be impulsive and doesn`t always think about the consequences of her actions, which sometimes gets in to her way.

How did you prepare for this role? Which books did you read and which movies did you see?

I read and watched everything I could find about the real historical Sisi: biographies, documentaries, her poems, and so on. And I read a lot about the period she lived in, in order to get an idea of the time and the people around 1850, the time our series is situated in. And I watched “Pippi Langstrumpf”, she was part of my inspiration for the young Possenhofen-Sisi.

What’s your favorite thing about Sissi? What did you learn from her values and her feelings that you can bring to others?

What I like about our interpretation of Sisi is that – in contrast to the historical Sisi – we show a woman who is involved and wants to be part of the life she marries in to. The real Sisi apparently was very shy and for that reason often fled into isolation, far away from Vienna and away from her duties as an empress. Our Sisi however is quite the opposite: Yes she also struggles with her new life as an empress, but she decides to actively take part in the life at the Hofburg and takes responsibility, using her power as an empress to her advantage and to stand up for what she thinks is right.

During the episodes, Sissi tells with great realism and naturalness the female desire, sexuality and “female gaze”. How important do you think it is to show these elements of independence of a young woman to the viewers?

I think it`s definitely very important to show this side, because in our story it leads to Sisi standing up for herself as a woman, instead of being treated like the purely functional empress she`s supposed to be. Although Sisi living her desires is most probably anything else than historically correct, I think in this series it makes her stronger. The wedding night was an unavoidable event and most women at that time knew absolutely nothing about sex, so for most of them it must have been a scary and not very pleasurable experience. Female sexuality was obviously a taboo – but women were basically obliged to have sex, since it was their duty to bare children. Sisi influences her destiny by gaining information on this topic, no matter what it takes. She discovers not only her own sexuality, but also finds new ways to build some sort of intimacy between her and Franz, which ultimately helps strengthening their relationship in the cold Hofburg-world full of strict rules.

There are so many female characters in this series. What do you love and admire about these strong women?

I like the fact that they are all very complex and are not divided into “good” or “bad” characters. As in real life, everyone, even characters like EH Sophie, who at first impersonates Sisi’s living hell, is later shown vulnerable and feeling. This makes the characters more approachable.

The relationship between Sissi and Franz is so complex and intense. What do you think about their connection?

In our series one is constantly wondering: What is the connection between Sisi and Franz. Is there any? I like the fact that we show the Sisi-Franz-romance totally different and I`m guessing reality must have been similar to our approach: Two young people meet once, there is some special chemistry and then they marry, without really knowing each other. Suddenly these two very young strangers are empress and emperor and have two manage their new lifes full of duties together. Throughout the series they are constantly trying get to know each other, so their real connection is only just building up throughout this first season.

How is it working with Jannik Schümann? Tell me about your experience working with him.

Working with Jannik Schümann was an absolutely wonderful experience. He is a truly amazing person and manages to make everyone`s day the moment he walks into a room. For me he was also a big support and sort of a role model, since I had basically no film experience and he has been on set for years.

As a young woman in 2021, how do you approach your profession?

I`m ambitious and my dream is to continue working on stage and in front of the camera. My first approach was going to acting school, in order to get a good education. Now it`s all about gaining experience and playing new and interesting roles. The cool thing about acting is that one never stops learning, so every new project is a new adventure. I love telling stories and I love finding new ways to work with a new character, since every role is different and demands a different approach. The job asks me to think out of the box and be creative, which I love, because there is no right or wrong, it`s all just trial and error.

Interview with Dominique Devenport
Credit: Stefan Klüter

As an actress, what stories are you excited to explore?

Of course I wish for more interesting female (lead-)roles and -stories in the film and theatre industry. Luckily, the awareness towards this deficit is rising.

Is there a film or a television show that made you fall in love with acting?

I fell in love with acting not by watching movies, but by actually acting. As a kid I started participating in school theatres and stuff like that and that`s how I discovered I wanted to become an actress – I just really loved telling stories and playing different roles. Before acting school, I don`t think I ever really paid special attention to the acting when watching movies or plays, that is something I started doing during my education.

Do you have people that inspire you?

I`m very lucky, I feel I`m constantly surrounded by people who inspire me in life or actingwise. My family, my friends, my colleagues – no matter where I look I see inspiring personalities.

If you were to sum up the word “Freedom” in one image, what would it be?

A mountain panorama.

 

Chiffon Magazine incontra Dominique Devenport

Le prime immagini della serie SISSI: la serie di TVNOW con Dominique Devenport

Quando Dominique Devenport entra in una stanza, te ne rendi davvero conto. Ha trionfato in TV come Sissi. Nella brillante e sorprendente serie, diretta da Sven Bohse, la sua recitazione è reale e tangibile. Ci mostra una giovane donna che lotta per farsi strada nella vita. Il suo futuro inizia qui, con tutte le donne forti che ci donerà.

Benvenuta, Dominique. Ho amato la tua Sissi. È così moderna. Come descriveresti la sua anima?

La nostra Sissi è una piccola ribelle. È coraggiosa, curiosa e vive secondo le sue stesse regole. È molto connessa a se stessa, al suo corpo, ai suoi sentimenti e ai suoi valori, ha una forte morale interiore e combatte per ciò che pensa sia giusto. Tuttavia, può anche essere impulsiva e non sempre pensa alle conseguenze delle sue azioni, cosa che a volte la ostacola.

Come ti sei preparata per questo ruolo? Quali libri hai letto e quali film hai avuto modo di guardare?

Ho letto e guardato tutto quello che sono riuscita a trovare sulla vera Sissi: biografie, documentari, le sue poesie e così via. E ho letto molto sul periodo in cui ha vissuto, per farmi un’idea del tempo e delle persone che vivevano nel 1850, l’epoca in cui è ambientata la nostra serie. E ho visto “Pippi Langstrumpf”, è stata parte della mia ispirazione per la giovane Sissi.

Interview with Dominique Devenport
Credit: Stefan Klüter

Quale è la cosa che più ami di Sissi? Cosa hai imparato dai suoi valori e dai suoi sentimenti che puoi donare agli altri?
Quello che mi piace della nostra interpretazione di Sissi è che – in contrasto con la Sissi storica – mostriamo una donna che è coinvolta e vuole far parte della vita che sceglie. La vera Sissi apparentemente era molto timida e per questo spesso fuggiva in isolamento, lontana da Vienna e dai suoi doveri di imperatrice. La nostra Sissi, invece, è tutto il contrario: sì, anche lei lotta con la sua nuova vita da imperatrice, ma decide di prendere parte attivamente alla vita dell’Hofburg e si assume la responsabilità, usando il suo potere di imperatrice a suo vantaggio e di alzarsi in piedi per quello che lei pensa sia giusto.

Durante gli episodi, Sissi racconta con grande realismo e naturalezza il desiderio femminile, la sessualità e lo “sguardo femminile”. Quanto pensi sia importante mostrare agli spettatori questi elementi di indipendenza di una giovane donna?
Penso che sia decisamente molto importante mostrare questo lato, perché nella nostra storia porta Sissi a difendersi come donna, invece di essere trattata come l’imperatrice puramente funzionale che dovrebbe essere. Sissi vive i suoi desideri ed è molto probabilmente qualcosa di diverso dallo storicamente corretto ma penso che in questa serie la renda più forte. La prima notte di nozze era un evento inevitabile e la maggior parte delle donne a quel tempo non sapeva assolutamente nulla sul sesso, quindi, per la maggior parte di loro doveva essere un’esperienza spaventosa e non molto piacevole. La sessualità femminile era ovviamente un tabù, ma le donne erano fondamentalmente obbligate a fare sesso, poiché era loro dovere mettere al mondo dei bambini. Sissi influenza il suo destino ottenendo informazioni su questo argomento, a qualunque costo. Scopre non solo la propria sessualità, ma trova anche nuovi modi per costruire una sorta di intimità tra lei e Franz, che alla fine aiuta a rafforzare la loro relazione nel freddo mondo di Hofburg pieno di regole rigide.

Ci sono così tanti personaggi femminili in questa serie. Cosa ami e ammiri di queste donne forti?

Mi piace il fatto che siano tutte molto complesse e non siano divise in personaggi “buoni” o “cattivi”. Come nella vita reale, tutti, anche personaggi come EH Sophie, che in un primo momento impersona l’inferno vivente di Sissi, in seguito vengono mostrati vulnerabili e pieni di sentimenti. Questo rende i personaggi più accessibili.

Interview with Dominique Devenport
Credit: Stefan Klüter

Il rapporto tra Sissi e Franz è così complesso e intenso. Cosa ne pensi della loro connessione?

Nella nostra serie ci si chiede costantemente: quale è il legame tra Sissi e Franz. Ne esiste un po’? Mi piace il fatto che mostriamo la storia d’amore di Sissi-Franz completamente diversa e immagino che la realtà sia stata simile al nostro approccio: due giovani che si incontrano una volta, c’è una chimica speciale e poi si sposano, senza conoscersi davvero. Improvvisamente questi due giovanissimi sconosciuti sono imperatrice e imperatore, due persone che gestiscono insieme la loro nuova vita piena di doveri. Durante la serie cercano costantemente di conoscersi, quindi, la loro vera connessione si sta solo sviluppando durante questa prima stagione.

Come è lavorare con Jannik Schümann? Raccontami la tua esperienza lavorativa con lui.

Lavorare con Jannik Schümann è stata un’esperienza assolutamente meravigliosa. È una persona davvero straordinaria e riesce a rendere migliore la giornata di tutti nel momento in cui entra in una stanza. Per me, è stato anche un grande supporto e una sorta di modello, dal momento che praticamente non avevo un’esperienza cinematografica mentre lui, invece, è sul set da anni.

Da giovane donna nel 2021, come ti avvicini alla tua professione?

Sono ambiziosa e il mio sogno è continuare a lavorare sul palco e davanti alla telecamera. Il mio primo approccio è stato frequentare la scuola di recitazione, per ottenere una buona educazione. Ora si tratta di acquisire esperienza e interpretare ruoli nuovi e interessanti. La cosa bella della recitazione è che non si smette mai di imparare, quindi, ogni nuovo progetto è una nuova avventura. Amo raccontare storie e amo trovare nuovi modi per lavorare con un nuovo personaggio, poiché ogni ruolo è diverso e richiede un approccio diverso. Il lavoro mi chiede di pensare fuori dagli schemi e di essere creativa, cosa che amo, perché non c’è una cosa giusta o sbagliata, ci sono solo tentativi ed errori.

Come attrice, quali storie sei entusiasta di esplorare?

Ovviamente mi auguro ruoli e storie di protagoniste femminili più interessanti nell’industria cinematografica e teatrale. Fortunatamente, la consapevolezza verso questo deficit sta aumentando.

C’è un film oppure una serie tv che ti ha fatto innamorare della recitazione?

Mi sono innamorata della recitazione non guardando i film, ma recitando davvero. Da bambina, ho iniziato a partecipare a corsi di teatri scolastici e cose del genere ed è così che ho scoperto che volevo diventare un’attrice – mi piaceva davvero raccontare storie e interpretare ruoli diversi. Prima della scuola di recitazione, non credo di aver mai prestato particolare attenzione alla recitazione quando guardavo film o spettacoli teatrali, è qualcosa che ho iniziato a fare durante la mia formazione.

Hai persone che ti ispirano?
Sono molto fortunata, mi sento costantemente circondata da persone che mi ispirano nella vita o nella recitazione. La mia famiglia, i miei amici, i miei colleghi – non importa dove guardo, vedo personalità stimolanti.

Se dovessi riassumere la parola “Libertà” in un’immagine, quale sarebbe?
Un panorama di montagna.

 

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: