Cinema

House of Gucci, Lady Gaga parla per la prima volta di come ha costruito il ruolo di Patrizia Reggiani

Lady Gaga sarà Patrizia Reggiani nell’atteso House Of Gucci, diretto da Ridley Scott. Accanto all’attrice troveremo Adam Driver. La pellicola racconta la storia di Patrizia Reggiani, l’ex moglie di Maurizio Gucci, che decise di orchestrare un complotto per uccidere suo marito, nipote del famoso stilista Gucci. Nel cast emergono anche Al Pacino, Jeremy Irons, Jared Leto e Jack Huston. Inoltre, Salma Hayek interpreta Pina Auriemma, un’amica chiaroveggente di Patrizia. House of Gucci pone al centro della narrazione temi come Potere, Creatività, Ambizione, Tradimento, Vendetta e un omicidio. Tutto per il controllo della Maison che portava il nome della famiglia Gucci. Il progetto uscirà nelle sale americane il prossimo 24 novembre

Per la prima volta, Lady Gaga ha deciso di parlare di House of Gucci e del suo complesso ruolo da protagonista in una recente intervista a Vogue UK. L’artista ha raccontato il lavoro svolto per entrare nei panni di Patrizia Reggiani: «Sono passati tre anni da quando ho iniziato a lavorare al progetto e sarò pienamente onesta e trasparente: ho vissuto come lei [ Patrizia Reggiani] per un anno e mezzo. E ho parlato con un accento per nove mesi. Anche fuori dal set. Non mi sono mai allontanata. Sono rimasta con lei».

House of Gucci, Lady Gaga parla per la prima volta di come ha costruito il ruolo di Patrizia Reggiani

Poi, Lady Gaga ha rivelato in che modo, fisicamente, si è avvicinata a Patrizia Reggiani per poterla interpretare al meglio: «Ho dovuto tingermi all’istante i capelli e ho iniziato a vivere in un modo in cui tutto ciò che guardavo, tutto ciò che toccavo, iniziavo a prestare attenzione a dove e quando potevo vedere i soldi. Ho anche iniziato a fotografare. Non ho prove che Patrizia fosse una fotografa, ma ho pensato come ad un esercizio, trovando i suoi interessi nella vita, che sarei diventata una fotografa. Quindi, ho portato la mia fotocamera ovunque andassi. Ho notato che Patrizia amava le cose belle. Se qualcosa non era bello, l’ho cancellato».

 

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: