Serie TV

Chris Van Dusen difende Bridgerton dalle critiche: «I romanzi rosa non sono trash»

Bridgerton ha rappresentato la serie rivelazione del 2021. Dopo essere approda su Netflix il giorno di Natale, la serie creata da Chris Van Dusen e prodotta da Shondaland, ha tenuto incollati più di 82 milioni di spettatori in tutto il mondo. E così il progetto di Bridgerton è diventato il miglior debutto di sempre sulla grande piattaforma streaming.

Il cast, capitanato da Phoebe Dynevor e Regé-Jean Page, ha conquistato il pubblico e la critica. Infatti, da mesi, la serie continua a ricevere consensi e a conquistare prestigiose candidature. Lo scorso Luglio, Bridgerton ha conquistato ben 112 candidature agli Emmy 2021.

Ma c’è chi accusa la serie di essere trash e di non meritare il successo, ottenuto fino ad ora. Chris Van Dusen ha difeso la sua serie e spera che la candidatura agli Emmy Awards 2021 possa aprire la strada a più serie romantiche da realizzare e poter rispettare. In una recente intervista ad EW, il creatore di Bridgerton ha dichiarato: “C’è un’idea sbagliata là fuori. Si pensa che tutti i romanzi rosa siano trash o usa e getta, e non possono essere scritti in modo intelligente. Non penso che sia vero

Netflix

Inoltre, Chris Van Dusen ha raccontato il segreto del successo di Bridgerton, affermando:

“Considerando i tempi incredibilmente difficili in cui stiamo tutti vivendo, Bridgerton è questo bellissimo mondo di evasione in cui puoi entrare, ed è uno spettacolo sul romanticismo e l’amore, e queste sono alcune cose molto universali che le persone hanno abbracciato. Bridgerton mostra un mondo multietnico, multiculturale, multi-colore e questo bellissimo mondo sta dicendo che chiunque è il benvenuto qui, chiunque può trovare cose come l’amore, la gioia e il trionfo alla fine”.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: